La storia

Dallo Studio T.d.L. alla Scuola della dott.sa Isabella Buzzi »

Durante gli anni del dottorato di ricerca, facendo diverse esperienze didattiche e di intervento presso università e enti di formazione privati, tra i quali anche quella breve ma molto importante con il Centro per la Famiglia, di Galleria Buenos Aires a Milano, voluto e realizzato dall’avv. Milena Pini insieme ad un gruppo di avvocati milanesi dell’associazione AIAF, che si occupa di diritto di famiglia e dei minori, la dott.sa Buzzi ha voluto realizzare uno spazio in cui il singolo e le famiglie in crisi potessero essere accolti, ascoltati e capiti da professionisti ben preparati ma non giudicanti:

“La luce che ognuno di noi ha dentro di sé nei momenti più critici si attenua fino a farci dimenticare di averne mai avuta. Tracce di luce sono sempre presenti in ognuno di noi anche nella tempesta delle emozioni più negative. Ritrovare questa luce interiore è importantissimo” (cfr. Primo volantino dello Studio TdL).

Nasce, quindi, nel 1994 lo Studio T.d.L. “Tracce di Luce”: uno spazio di ascolto e di comprensione, in cui stimolare la resilienza personale e seguire un modello d’intervento centrato sulla persona.

Nei primi anni i servizi offerti sono soprattutto la consulenza individuale e la mediazione nella crisi personale e di coppia e nella separazione coniugale o nel divorzio, oltre alla consulenza psico-pedagogica, poi la scelta sarà di aprirsi ad interventi volti a sostenere la famiglia ed aiutare le persone ad affrontare tutta la conflittualità familiare, nella convinzione che sia sempre possibile proteggersi dalle conseguenze di un conflitto mal gestito: si può ottenere ciò di cui si ha bisogno anche senza dover partecipare ad una guerra.

Mediare, di contro, non significa dovere per forza cedere ai ricatti, significa mantenere il controllo della propria vita mettendosi in gioco. In mediazione, il mediatore familiare è un aiuto per arrivare a costruire un futuro diverso per se stessi e per i propri familiari grazie a scelte ragionate, valutando le conseguenze ogni scelta, ottenendo ascolto e rispetto.

In mediazione familiare occorre dare informazioni per ottenere informazioni: pratiche, tecniche, legali, morali, esistenziali, affettive.

Lo scopo di ogni intervento rivolto ai genitori in crisi, è quello di tutelare e proteggere i loro bambini dai danni causati dalla conflittualità familiare.

Nei casi di conflittualità familiare non espressamente legata alla separazione dei coniugi, ma in casi di conflittualità coniugale o di coppia, per questioni ereditarie, relative alla tutela di un componente della famiglia o in casi di interdizione connesse al cronicizzarsi o all’aggravarsi della malattia di un parente o la perdita della sua autosufficienza, è sempre possibile l’intervento di mediazione familiare, ma nel caso non fosse possibile riuscire a riunire intorno al tavolo tutti i familiari, è anche possibile un percorso di counseling. Attorno alla dott.sa Buzzi sono rimasti molti allievi della sua Scuola e, contattandoci, potrete richiedere altri servizi quali: la consulenza legale, la consulenza pedagogica, la consulenza per i problemi dell’anziano e dei problemi educativi, la consulenza psicologica (cfr apposito elenco nel sito).

Nel 1997, infatti, lo Studio T.d.L. diventerà centro di formazione professionale per mediatori familiari: nasce la Scuola della dott.sa Buzzi.

Il modello di mediazione della dott.sa Isabella Buzzi è di natura eclettica (modello negoziale e modello strategico di derivazione statunitense, utilizzo anche di tecniche derivanti dal modello Morineau e tecniche negoziali e di gestione delle riunioni, nonché strategie proprie della teoria della comunicazione, della terapia sistemico-relazionale e del counseling), in quanto si cerca di offrire una professionalità attenta e centrata sui bisogni dei clienti.

Dal 2000 la Scuola formerà professionalmente anche counselor rogersiani, ma avrà realizzato diversi corsi di aggiornamento per avocati familiaristi, interessati ad approfondire le dinamiche del contesto familiare e del rapporto avvocato-cliente-famiglia.

Lo scopo della formazione professionale della dott.sa Buzzi è quello di fornire in un percorso articolato attraverso lezioni frontali, discussioni guidate esercitazioni pratiche, giochi di ruolo e uno specifico tirocinio pratico, le competenze necessarie alla buona pratica operativa concreta.

Gli allievi dovranno acquisire padronanza delle tecniche di base e di quelle più sofisticate della mediazione familiare, del counseling, della conduzione di gruppo, ecc. Dovranno avere acquisito con padronanza le conoscenze teoriche e saper utilizzare gli atteggiamenti e le tecniche più adatte alla conduzione del rapporto d’aiuto, di facilitazione o didattico.

Il fine della formazione è quello di favorire le personal skills degli allievi, accompagnate da comprensione, empatia, accettazione e assenza di giudizio, prendendo le distanze dalle situazioni e dai problemi narrati dai clienti dal punto di vista tecnico, ma non dalle persone, accrescendo la consapevolezza delle personali interpretazioni legate ai propri agganci emotivi (mindfullness). Gli allievi potranno giovarsi dell’esperienza pratica ultra ventennale della dott.sa Buzzi, oltre che della competenza teorico-tecnica dei docenti. Lo staff didattico è composto da professionisti qualificati, esperti e docenti universitari.

La dott.sa Isabella Buzzi »

La dott.sa Isabella Buzzi è attualmente Professore a contratto Università Vita e Salute San Raffaele di Milano, in Mediazione e consulenza familiare. Dottore di Ricerca in Psicologia, Pedagogista, Supervisor Counselor e Trainer, Mediatrice e consulente familiare. Formatrice e mediatrice civile e commerciale.

Socio fondatore e secondo Presidente del Forum Europeèn Réchèrce et Formation a la Médiation Familiale: la prima associazione europea ad aver fissato i criteri deontologici e formativi dei mediatori familiari.

Fonda lʼAssociazione Italiana Mediatori Familiari nel 1999 e dal 2002 al 2008 ne e’ il Presidente, resta poi nel Consiglio Direttivo ricoprendo diversi incarichi ed e’ il Presidente della Commissione Accreditamento corsi di Formazione.

Autrice di molti articoli e volumi in materia di mediazione e di psicologia.

Breve Curriculum »

2008: Presidente della Commissione Accreditamento Corsi di Formazione per mediatori familiari di AIMeF (già membro dal 2006)

2002-2008: Eletta a Ottobre, con incarico triennale, Presidente dellʼAssociazione Italiana Mediatori Italiani (AIMeF), con sede a Milano. Incarico rinnovato per un secondo mandato nel dicembre 2005.

2001-04: Presidente del Forum Europeèn Réchèrce et Formation a la Médiation Familiale, con sede a Marsiglia.

1997-2015: Crea e realizza la rivista Tavola Rotonda, diventato il bollettino informativo del Forum Europeèn Réchèrce et Formation a la Médiation Familiale. Dal 2005 da lei unicamente gestito e posseduto diventa: “Tavola Rotonda. Bollettino dei Mediatori Familiari” – registrata al Tribunale di Milano in data 08/07/2005 col numero 569. 1997: Socio fondatore e membro ufficialmente eletto del Comitato Direttivo del Forum Europeèn Réchèrce et Formation a la Médiation Familiale (Francia).

1992-96: Vince il concorso e la borsa di studio per il Dottorato di ricerca in Metodologia di ricerca in psicologia (VIII ciclo), svoltosi presso lʼUniversità degli Studi di Genova (sede amministrativa) e lʼUniversità Cattolica di Milano (sede consorziata). Il 15 novembre 1996, ha luogo la discussione della tesi di dottorato dal titolo: “Metodologia integrata per la rilevazione degli atteggiamenti sullʼaffido dei minori in casi di separazione e divorzio” e le viene conferito il titolo di Dottore in Psicologia.

1986-90: – Corso di Laurea in Pedagogia con indirizzo psicologico presso lʼUniversità Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Tesi in Psicologia Sociale discussa il 31/10/1990, dal titolo: “Conseguenze del divorzio sull’adattamento e sul rendimento scolastico”, Relatore prof. Assunto Quadrio. Voto: 110/110 con lode accademica.

Attività Accademiche »

2014-15: – Professore a contratto in “Mediazione e consulenza familiare” presso lʼUniversità Vita e Salute San Raffaele di Milano.

2011-12: – Cultrice della materia in “Psicologia sociale e mediazione familiare” presso lʼUniversità Vita e Salute San Raffaele di Milano.

2006-09: – Docente per lo svolgimento del modulo pratico-operativo (40 ore): “La mediazione globale. Tecniche di base ed avanzate di mediazione familiare” nellʼambito del master per mediatori familiari organizzato dalla Facoltà di Studi Politici e per lʼAlta Formazione Europea e Mediterranea “Jean Monnet”- Seconda Università degli Studi di Napoli, a Caserta. Dal 20 al 25 febbraio 2006; dal 12 al 17 febbraio 2007, dal 25 febbraio al 1 marzo 2008, dal 16 al 21 marzo 2009.

2004-06: – Due Incarichi di insegnamento di 140 ore sulla “Mediazione Familiare” presso il Master in Consulente giuridico matrimoniale e mediatore familiare a.a. 2003-2004 e a.a. 2005-2006, della facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi di Macerata.

1997-2010: – Docente nellʼambito dei Corsi di perfezionamento universitario dellʼUniversità Cattolica di Milano: “La consulenza tecnica-psicologica in ambito giudiziario”. Direttore didattico Prof. Assunto Quadrio Aristarchi. Con moduli di due giornate fino al 2005 poi con un modulo di otto ore in una singola giornata fino al 2008 (un modulo di due giornate fu replicato anche a Bolzano), dal 2009 con moduli di una giornata e mezza. 1996-2000, Cultrice della Materia in Psicologia Giuridica presso l’Università Cattolica di Milano. 1994-97: – Cultrice della Materia in Psicologia dei gruppi presso l’Università di Genova.

1991-97: – DallʼA.A. 1991/92 al 1996/97, Cultrice della Materia in Psicologia Sociale presso l’Università Cattolica di Milano.

1991-92: – Addetta alle esercitazioni nell’A.A. 1991/92 per la facoltà di Magistero in Psicologia Sociale presso l’Università Cattolica di Milano, argomento delle esercitazioni: “Lʼutilizzo della teoria delle attribuzioni causali nellʼinsegnamento”

Elenco delle pubblicazioni più rilevanti »

Buzzi I.: “Storia e prospettive della mediazione familiare”, Genitori e figli nelle famiglie in crisi, Giuffré, Milano, 1992, pp 163-213.

Buzzi I.: “Divorzio dei genitori e percezione del disagio infantile: breve indagine descrittiva su un campione di insegnanti”. In Contributi di Ricerca in Psicologia e Pedagogia, Pubblicazione della Sezione di Psicologia e Pedagogia del Dipartimento di Filosofia, Università egli studi di Genova, Genova, Vol. 2, 1993, pp 19-32.

Buzzi I.: “La conoscenza del mondo sociale”. In C. Castelli, A. Quadrio, L. Venini (a cura di), Psicologia sociale e dello sviluppo, F. Angeli, Milano,Vol. 1, 1994, pp 45-108. Quadrio A.,

Buzzi I.: “Il ruolo dei figli nelle dinamiche conflittuali”. In R.G. Ardone & S.Mazzoni (a cura di), La mediazione familiare: per una soluzione nella separazione e nel divorzio, Giuffrè, Milano, 1994, pp 19-29.

Buzzi I.: “Separazione e divorzio nella cultura del dialogo: la Mediazione familiare”. In A. Quadrio & G. De Leo (a cura di), Manuale di Psicologia Giuridica, LED, Milano, 1995, pp 367-392. Haynes J.M. &

Buzzi I.: “Introduzione alla mediazione familiare. Principi fondamentali e sua applicazione”, Giuffrè, Milano, 1996. Buzzi I.: “Ruoli familiari e dinamiche conflittuali nelle perizie per l’affido dei minori”. In A. Mestiz (a cura di) La tutela del minore tra norme, psicologia ed etica, Giuffrè, Milano, 1997, pp 363-381. Buzzi I. & Pinna S. (a cura di): Esperienze pratiche per mediare i conflitti, Punto di fuga, Cagliari, 1999. Gulotta G. con la collaborazione di I.

Buzzi: “La mediazione familiare”. In G. Gulotta Elementi di psicologia giuridica e di diritto psicologico, civile, penale minorile. Giuffré, Milano, 2000, pp 836-845; ed edizione successiva del 2010.

Buzzi I.: “Mediazione familiare e lavoro peritale”. In M.E. Magrin (a cura di), Guida al lavoro peritale, Giuffrè Pub., 2001, pp 207-240.

Buzzi I.: Introduzione alla conciliazione. Principi fondamentali e applicazione della mediazione ai conflitti aziendali e commerciali. Giuffré Pub., 2003.

Buzzi I.: “La mediazione familiare. Tecniche e strategie dello psicologo” in Fragomeni T., Patti Y., Buzzi I., La mediazione familiare. Tecniche e strategie dellʼavvocato, del counselor e dello psicologo, La Tribuna, Milano, 2011, pp. 103-151.

Buzzi I.: “La mediazione familiare come percorso strutturato: fasi della mediazione”, in Cagnazzo A. (a cura di) Trattato sulla mediazione familiare, UTET, Torino, 2012, pp. 527-550. Haynes J.M. & Buzzi I.: “Introduzione alla mediazione familiare. Principi fondamentali e sua applicazione”, Giuffrè, Milano, II Edizione, 2012.